martedì 23 luglio 2013

Sentieri a Sud 2013 dal 26 luglio al 3 agosto 2013 a Kurumuny




Anche per questo 2013 si rinnova l’appuntamento organizzato da Kurumuny con la rassegna “SENTIERI A SUD”, dedicata alle produzioni e agli attraversamenti culturali, tra musica e poesia, tra documentario e racconto, tra cultura antica ed evoluzioni moderne: uno spazio di confronto in un luogo ricco di storia e di storie.
“SENTIERI A SUD” nasce con l’idea di offrire, in uno spazio fisico e un luogo dell’anima, idee e visioni su una terra che è lembo estremo ma anche crocevia di popoli; di favorire una maggiore conoscenza della cultura orale del Salento e di coloro che sono oggi le nuove voci narranti in questa “isola sonante”. Uno degli elementi più significativi della comunità salentina, infatti, è stata ed è tuttora la condivisione di momenti intensi ed espressivi attraverso il canto, la musica, il racconto e la ricerca di uno sguardo altro.
 “SENTIERI A SUD” si svolge in un periodo dell’anno in cui maggiore è il flusso di turisti e a noi piace pensare che questa rassegna sia una chiave di lettura, un modo per entrare in una terra in punta di piedi e scoprirne le bellezze per goderne appieno. Il Salento è finis terra e può offrire orizzonti, luci, profumi, sapori e calore umano anche attraverso una rassegna di musica e letteratura all’ombra dei carrubi.


Venerdì 26 luglio ore 21.00

• Presentazione dell’ultimo lavoro discografico di Daniele Durante
DAMULI N’AUTRA BOTTA. Antologia licenziosa di trenta canti e pizziche dal Salento.
Interventi di Luigi Chiriatti, Roberto Guido e Daniele Durante.
A seguire intervento musicale a cura di Daniele Durante e Francesca Della Monaca.

Per approfondimenti

La cultura orale di un territorio, che trova nei canti una raffinata sintesi poetica e sonora per esprimere la propria visione del mondo, non poteva non cantare la sessualità, attraverso stornelli a dispetto o una delicatissima poetica in rima. Lo fa ricorrendo a metafore e ammiccamenti; inventando nomi e significati al sesso femminile e maschile; alzando un velo trapuntato di versi e parole poetiche che nascondono l’atto sessuale. È molto vasto il repertorio dei canti licenziosi salentini con punte allusive, maliziose, talvolta oscenamente in chiaro, talaltra di difficile comprensione, almeno ad una prima analisi. Non riconoscere questa vena significherebbe negare una delle fonti più vivaci, ispiratrici e accattivanti di tutto il corpus sonoro. I grandi cantori o affabulatori ricorrevano ad eleganti infiocchettature poetiche anche per aggirare l’onnipresente e opprimente dottrina religiosa, che condannava ogni riferimento e pratica della sessualità; l’allusione mirava a non offendere il collettivo senso del pudore e a non turbare le anime dei fanciulli e delle fanciulle, che d’altronde, convivendo e lavorando con gli animali, nella vita di tutti i giorni assistevano in maniera naturale ai loro accoppiamenti. Ci piace pensare che questa difficilissima arte di poetare e cantare potesse essere un veicolo di conoscenza dei comportamenti sessuali e quindi una specie di trasmissione etica sessuale. Nei canti proposti da Daniele, ricorre il ricco vocabolario con cui sono indicati gli organi sessuali; i termini variano di paese in paese e fanno riferimento ora ad oggetti di uso quotidiano (taeddha, farzura, pastinaca, trapanaturu), ora ad immagini attinte ai grandi riti e miti che sostanziano questa terra, ora a figure archetipiche come il monaco, l’aggiustacofane, il cardararu, il giardiniere. Le tracce sonore offrono un ampio ventaglio di arie e testi che – nel doppio senso, nell’ammiccamento, nell’esplicito riferimento alla sessualità, ai suoi organi, al loro uso e consumo – ci testimonia di una poetica musicale che arricchisce di nuovi stimoli il panorama sonoro salentino. (Luigi Chiriatti)



Info sull’autore/curatore

Daniele Durante




Mercoledì 31 luglio ore 21.30

• C’È UN CASTELLO DI COTONE
Visioni, arabeschi, adorabili parole
di e per Antonio Verri
Reading con Roberta Pappadà e Fabrizio Gemma
accompagnamento musicale di Rocco Nigro
Introduce Maurizio Nocera



Sabato 3 agosto ore 21.00

• Presentazione del progetto LE SALENTINE, carte da gioco.
Interventi di Giovanni Chiriatti, Alessandro Sicuro,
A seguire MERCATI GENERALI, racconto in musica di ‘U Papadia e Guit Armando
più ospiti.

Le Salentine - Le carte da gioco hanno la forma di una tessera rettangolare in carta o plastica, delle dimensioni di una mano. Una serie completa di carte viene nominata mazzo. Le carte da gioco sono tra gli strumenti più usati dagli illusionisti, e in ambito esoterico sono importantissime nella lettura che viene fatta con la cartomanzia. Per molti le carte sono un ambito oggetto di collezionismo. La più diffusa serie di carte in Italia è quella delle carte “napoletane”.
Celebre negli anni ottanta una famosa partita di scopone giocata tra l'allora Presidente della Repubblica Sandro Pertini, l'allenatore della nazionale di calcio Enzo Bearzot ed i calciatori Dino Zoff e Franco Causio. La partita, si svolse sull'“air force one italiano” che riportava nel nostro paese la squadra che aveva appena vinto il Mondiale di Calcio 1982 in Spagna. Il gioco delle carte unisce generazioni di italiani, da tutte le regioni (visto che esistono mazzi di carte con semi di tradizioni iconografiche regionali differenti), mossi dal desiderio della convivialità e di un momento di spensieratezza da trascorrere insieme.
La casa editrice Kurumuny, che da anni porta avanti un percorso editoriale incentrato sulla ricerca musicale ed etno/antropologica, dopo il successo della prima edizione che ha incontrato il favore di ferventi aficionados delle carte da gioco, propone una seconda ristampa ricca di sorprese, proprio nel cuore della calda estate salentina.
Le salentine nascono dal desiderio di creare un mazzo di carte da gioco legato al territorio e alla sua storia pur mantenendo una giocabilità pari a quella delle carte regionali napoletane, a cui si ispirano e di cui conservano la peculiarità dell’aspetto cromatico, Il mazzo è composto da quattro semi che si richiamano alla tradizione e ne diventano sintesi simbolica. Queste carte sono uno strumento di gioco senza pari, e allo stesso tempo rappresentano un biglietto da visita per il Salento e la sua cultura, dato che la simbologia riprodotta offre cenni e riferimenti ai riti e miti, all’arte, ai costumi che poi trovano un ulteriore approfondimento sul sito dedicato: www.cartesalentine.it

Le salentine sono state disegnate interamente a mano, realizzate e prodotte in Salento da B22 e Kurumuny.


ingresso gratuito
Info Kurumuny
Telefono: 0832801528
Cellulare: 3299886391
redazione@kurumuny.it

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.